Ribaltamento costi tra Consorzio e Consorziati Stampa
Martedì 29 Novembre 2016 17:16

Ribaltamento ricavi e costi tra Consorzio e Consorziati

La Sentenza n. 12190 pronunciata il 14 giugno 2016 dalla Cassazione civile a Sezioni riunite in merito al ribaltamento dei costi e dei ricavi tra consorzi/società consortili e consorziati/soci consortili suggerisce alcuni approfondimenti sulle modalità contabili ed operative.

La Sentenza in oggetto, infatti, prevede che “Nel caso di differenza tra quanto fatturato dalla società consortile al terzo committente e quanto alla prima fatturato dal consorziato, nel rispetto dei principi di certezza, effettività, inerenza e competenza, costituisce onere del consorziato fornire la prova che tale differenza non sia costituita da ricavi e che la stessa corrisponda a provvigioni o servizi resi dal consorzio al terzo.”

Tale impostazione della Cassazione comporta per tutti i consorziati che dovessero trovarsi in tale situazione l’onere della prova in merito alle differenze riscontrabili tra gli importi ribaltati e quelli fatturati dal consorzio, con il conseguente appesantimento delle procedure contabili e degli adempimenti da approntare per essere in grado di fornire la richiesta prova.