Area Riservata



mod_vvisit_counterOggi36
mod_vvisit_counterIeri125
mod_vvisit_counterSettimana535
mod_vvisit_counterMese4177
mod_vvisit_counterTotale117221

Dimissioni - Nuova Procedura PDF Stampa E-mail
Giovedì 24 Marzo 2016 12:22

DIMISSIONI DEL LAVORATORE -  NUOVA PROCEDURA

E’ operativa  la nuova procedura di dimissioni e risoluzioni consensuali del rapporto di lavoro e dell’eventuale revoca, mediante  procedura telematica  attivata dal  lavoratore.

La procedura riguarda tutti  i dipendenti privati,  con le seguenti esclusioni:

a. rapporti di lavoro domestico (es. baby sitter, colf e badanti);

b. recesso durante il periodo di prova;

c. dimissioni e risoluzione consensuale prestate dalla lavoratrice nel periodo di gravidanza o dalla lavoratrice/lavoratore durante i primi 3 anni di vita del bambino (in questo caso, è operativa la convalida  da effettuare presso la Direzione del Lavoro);

d. dimissioni e risoluzione consensuale effettuate nelle sedi c.d. “protette” (Direzione del Lavoro, sindacale e Commissione di Certificazione);

e. lavoratori del settore marittimo (in quanto il contratto  è regolato dal  Codice della Navigazione).

La nuova procedura può essere  attivata  direttamente dal lavoratore o per il tramite di uno dei soggetti abilitati dallo stesso articolo 26 e cioè:

a.Patronato;

b.Organizzazione sindacale;

c.Ente bilaterale;

d.Commissioni di certificazione.

Il modulo di dimissioni/risoluzione consensuale/revoca verrà inviato, con la relativa data di trasmissione (marca temporale) ed il codice identificativo univoco:

a. al datore di lavoro, per il tramite della propria casella di posta elettronica, anche certificata;

b. alla Direzione Territoriale del Lavoro competente.

Soltanto con la ricezione del modello telematico il datore di lavoro potrà ritenere valide le dimissioni presentate dal lavoratore e considerare risolto il contratto di lavoro e,

conseguentemente, presentare entro 5 giorni dalla data di cessazione la comunicazione al Centro per l'Impiego.

Resta invariata la sanzione prevista in capo al datore di lavoro, qualora questi alteri il modulo di comunicazione delle dimissioni. Quest’ultima varia da 5.000 a 30.000 euro. L'accertamento e l'irrogazione della sanzione sono di competenza degli ispettori delle Direzioni territoriali del lavoro.

Il lavoratore, una volta comunicate le dimissioni per il tramite della procedura telematica, ha la possibilità di revocarle, con lo stesso mezzo, entro 7 giorni dalla comunicazione di recesso.

 

 

Ultime Notizie

Articoli più letti

Ultimi Articoli

Ultimi Documenti


STUDIO ROMANO - PIAZZA VANVITELLI 15, 80129 NAPOLI - P.IVA:05478730632

Powered by

NSS

NonSoloSiti.com WebDesign.

SR